Il Nobel per l’architettura a David Chipperfield.

“Noi come architetti abbiamo il dovere di spiegare e riconoscere il ruolo emozionale dell’architettura, perché i cittadini sentono un coinvolgimento emotivo con la città e i suoi edifici” con queste parole David Chipperfield, ospite a Theatro il 2 dicembre 2022, ha dato la sua visione di come gli architetti dovrebbero restituire valore aggiunto alla società non solo dal punto di vista commerciale degli edifici ma lavorare per farne crescere anche il valore culturale. È questa la sua visione premiata con il Pritzker Prize 2023, il premio più importante nel mondo dell’architettura.
L’eleganza dei suoi lavori discende dalla sobrietà con cui sono immaginati e disegnati e coincide con la funzionalità e l’accessibilità degli spazi, in particolare negli interventi più complessi di recupero, riqualificazione e trasformazione delle architetture del passato.

Dalla lettura ai podcast, dalla carta alla voce.

Comunicare attraverso le storie anche in architettura. Maria Chiara Virgili, architetto di formazione e autrice del podcast Dannati Architetti, ha raccontato come i progetti dovrebbero seguire i principi della narrativa e della comunicazione per diventare memorabili. L’obiettivo è creare storie appassionanti, in grado di coinvolgere il potenziale cliente e generare una condizione di fiducia.
In dialogo con Alvar Altissimo, ha affrontato alcuni temi caldi dell’architettura con un pizzico di ironia passando da “Maledetti Architetti” di Tom Wolfe ai Simpson. Perché per Maria Chiara Virgili, le buone storie non annoiano, ispirano e a volte divertono.

Green Cities: la città dei 15 minuti e il caso studio di Medellín.

Città-laboratorio: a Theatro, il 24 ottobre 2022 sono stati ospiti Carlos Moreno, ideatore del concetto di Città dei 15 minuti, e Jorge Pérez-Jaramillo, architetto, urbanista e professore universitario colombiano, che ha coinvolto i presenti con la lecture “Medellín. Rigenerazione della città incompleta”. Il caso studio sulla città colombiana racconta dell’intensità e della velocità sudamericana, molto diverse da quelle europee. La crescita della città, fondata in un territorio di acqua, pianure alluvionali e montagne, ha caratteristiche che meritano di essere conosciute, tra opportunità, sfide e difficoltà. La lezione di Jorge Pérez-Jaramillo ci ricorda che è possibile sognare, ed è necessario agire. Anche la riflessione di Moreno invita a porsi molteplici interrogativi: in quale città vorremmo vivere? La città come risponde alle esigenze delle persone? Quali sono gli elementi per raggiungere una buona qualità di vita, indipendentemente dalla densità del territorio che viviamo? Temi complessi, di cui è necessario parlare perché riguardano tutti. Carlos Moreno si ispira a Elinor Ostram, premio Nobel dell’economia nel 2009, che spiegò il concetto di bene comune fondato su una visione policentrica basata su ecologia, prossimità, solidarietà, autoaffermazione.
Una piccola, grande lezione da far germogliare in qualsiasi progetto.

Il Renzo Piano World Tour a Entebbe.

Sogno di ogni studente di architettura, il Renzo Piano World Tour è l’opportunità di formazione e di studio attraverso il viaggio intorno al mondo alla scoperta delle architetture di Renzo Piano e di altri celebri architetti: la mette a disposizione la ​​Fondazione Renzo Piano insieme ad altre istituzioni per quattro giovani neo-laureati. Tra le tappe del tour: il Children’s Surgical Hospital di Emergency a Entebbe in Uganda, cui Theatro ha contribuito con competenza e passione.

Milano Design Week 2022

Atipico perché in programma a giugno, anziché nel normale mese di aprile, e sentitissimo perché il primo post-Covid, il Salone del Mobile 2022 ha mantenuto tutte le aspettative di operatori, professionisti, curiosi. Le aziende partner di Theatro ne sono state tra le co-protagoniste, nei padiglioni della fiera e tra le brulicanti vie della città.